Home | News | Serie TV in streaming: verso quale futuro?

Serie TV in streaming: verso quale futuro?

serie tv streaming

Si è parlato di crisi del retail, di “effetto Amazon” e di un’importante trasformazione digitale che avrebbe già interessato settori quali il manifatturiero, il finanziario, l’automotive e persino l’alimentare. In questa cerchia, a ben guardare, si colloca anche il mondo dell’intrattenimento, del cinema e delle serie tv che, grazie alle piattaforme streaming, ad un catalogo ricco e ad abbonamenti vantaggiosi è riuscito ad arginare, almeno in parte, anche il triste fenomeno della pirateria. Primo fra tutti Netflix. Probabilmente conosci o hai già sottoscritto un abbonamento con l’azienda californiana, eppure la lotta si fa sempre più ardua anche per Netflix, specie se in ballo ci sono concorrenti come Amazon.
Vediamo nello specifico, come si stanno comportando e cosa offrono i due Big.

Serie TV streaming: Netflix

La decisione di passare dal noleggio di DVD e videogiochi al servizio di streaming online on demand si è confermata vincente per l’azienda oggi leader mondiale del settore, con quasi 94 milioni di abbonati (dato che si riferisce a fine 2016). Un successo dovuto a produzioni originali di qualità, a un catalogo molto ricco e a formule di abbonamento vantaggiose, in grado di accontentare tutti (da una base di 8€ a un massimo di 12€).

Serie TV streaming: Amazon Prime Video

Tra le prime e più forti aziende al mondo che vendono merci su internet, il colosso di Seattle si sta facendo strada anche sul fronte dello streaming online, con una concorrenza sempre più spietata verso il suo diretto competitor. In effetti, se fino a non molto tempo fa consentiva l’accesso on demand a film e serie TV agli utenti che sottoscrivevano l’abbonamento ad Amazon Prime (il servizio Amazon che consente di ricevere la merce acquistata in un giorno lavorativo), ora basta sottoscrivere un abbonamento di circa 9€ al mese per fruire di film, serie tv e altri contenuti video on demand originali. Non solo, la compagnia di Seattle ha ingaggiato registi del calibro di Ridley Scott e Woody Allen per garantire agli utenti contenuti di qualità sempre maggiore.

Serie TV streaming: verso quale futuro

È una lotta fra titani, si sa, a maggior ragione se si considerano i forti investimenti e le continue trattative per accaparrarsi registi e produttori tv di successo da parte dei player top spender. Una lotta che non esclude, al tempo stesso, il proliferarsi di nuove piattaforme di streaming online e di contenuti scadenti, col rischio di un aumento del costo degli abbonamenti e di un possibile ritorno alla pirateria massiva.

Non bisogna neppure dimenticare quanto stanno facendo sul versante dello streaming online altri due colossi del digitale: Apple con la sua Apple TV e il padre dei social network Facebook, che da tempo parla di nuovi format e contenuti originali (dalla connotazione social ovviamente) da trasmettere in streaming.

E tu hai già sottoscritto un abbonamento con uno di questi grandi player? Se sei un vero fan dello streaming e vuoi disfarti di DVD, VHS e altro materiale video che non guardi più inserisci il tuo annuncio su Porta Portese. Buona visione!

Il Team di Porta Portese