Home | Cultura | L’Ara Pacis com’era: al museo con i visori 3D

L’Ara Pacis com’era: al museo con i visori 3D

ara pacis com'era

L’Ara Pacis com’era: e chi ha detto che andare al museo è noioso?

Regalare un’esperienza sempre più interattiva e coinvolgente, che sappia usare le ultime innovazioni tecnologiche per raccontare secoli di storia senza mai annoiare non è l’incipit della prossima campagna pubblicitaria Buondì, bensì l’ultima esperienza offerta dal Museo dell’Ara Pacis di Roma.

“L’Ara com’era” per raccontare, grazie alla combinazione di realtà virtuale, realtà aumentata, grafica computerizzata e riprese cinematografiche dal vivo, il monumento nei suoi colori e nella sua storia originari e in un ambiente a 360°.

L’ara Pacis com’era: il percorso

9 i punti di interesse in cui si articola il percorso di visita dello spettatore che, dopo aver indossato i visori 3D, è prima accolto dalle riprese a 360° del monumento oggi e poi catapultato nel passato, ai tempi di Augusto (guida speciale di questo viaggio). Ed ecco che si ritrova ad ammirare con un volo immaginario e dall’alto Campo Marzio, il Pantheon, i Saepta Julia, il Mausoleo di Augusto e l’Acquedotto, per poi ritornare davanti all’Ara Pacis e assistere al rituale del sacrificio, realizzato in 3D e con il coinvolgimento di attori veri, e, infine, proseguire nella riscoperta del monumento e della sua storia.

Ecco una breve anteprima dell’Ara Pacis com’era:

Info e prenotazioni. È possibile prenotare e acquistare i biglietti via telefono, chiamando lo +39 06 0608, direttamente online oppure presso il museo stesso.
! La visita dura 45 minuti ed è disponibile in italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco.

Orari. Venerdì e sabato: dalle 19:30 alle 22.

Biglietti. Intero: 12€. Ridotto: 10€

 

Pronto a catapultarti in un’esperienza così immersiva? Su Porta Portese abbiamo anche i visori 3D. Guardare per credere! Buona ricerca.

Il Team di Porta Portese